Pianta

Torre I Gemelli di San Benigno

Due torri gemelle realizzate in due tempi diversi

E’ uno dei comparti realizzato in due tempi in quanto, per motivi diversi, una delle torri gemelle, quella su Via Scarsellini, è stata ultimata solo a metà del 2004. Questa suddivisione era quella prevista dallo strumento urbanistico comunale, ed era sostanzialmente dovuta alla particolare articolazione dei vari corpi di fabbrica. Per questi motivi il Comparto 6 è stato a suo tempo diviso tra 6A e 6 B, cui a fatto seguito l’ analoga denominazione delle due torri con le stesse lettere, e la costruzione in secondo tempo della Torre B.

Il complesso edilizio è formato da:

  • una piastra, che copre l’ intera superficie del comparto, costituita da due piani interrati, un piano terra e quattro piani fuori terra
  • un piano porticato, al 5° piano, sottostante agli altri corpi emergenti
  • due corpi lamellari (Torre A a ovest, e Torre B a est ) alti tredici piani, di cui il più alto, il 18° impiantistico, e il terrazzo di copertura
  • due corpi alti tre piani, anche questi soprastanti alla piastra, che costituiscono di fatto il collegamento tra i due corpi lamellari (Corpi C e D)
  • un corpo alto quattro piani compreso piano terra, staccato dai corpi che partono dalla piastra, ma collegato invece per tutta la sua estensione ai due piani interrati di cui sopra (Corpo G)

Le destinazioni, a livello urbanistico, risultano:

  • parcheggi privati e parcheggi ad uso pubblico nei due piani interrati, a piano strada, al 4° e 5° piano
  • locali commerciali a piano terra
  • magazzini, parte a piano terra e parte nei piani dal 1° al 4°
  • nella Torre A parte ad uffici e parte a “residences”
  • nella Torre B solo uffici

Le consistenze in termini di superficie o di SLA sono le seguenti:

  • parcheggi pubblici mq. 5.283 ca. al 2° piano interrato, mq. 799 ca. al 1° interrato e mq. 1.558 ca. a piano strada, per un totale di mq. 7.640 ca.
  • parcheggi privati mq,1.484 ca. al 2° interrato, mq. 4.702 ca. al 1° interrato; mq. 3.266 al 4° piano e mq. 3.074 al 5°, per un totale mq. 5.640 ca.
  • SLA commerciale mq. 1.940 circa a piano terra
  • SLA uffici Torre A mq. 8.152 ca. e mq. 2.974 ca. di SLA residences
  • SLA uffici Torre B mq. 11.564 ca.
  • SLA magazzini mq. 15.026, tutti nella piastra, tra piano terra e i quattro piani al di sopra

Il complesso edilizio è totalmente a struttura in cemento armato, con quattro giunti di dilatazione che la dividono in modo che le massime dimensioni dei corpi separati non diano problemi di movimenti anomali o imprevisti.

Lo schema statico della struttura è quello tradizionale a telai multipiani, a nodi rigidi, con solai in predalles alleggerite e getto di completamento in opera. Analogamente sono state gettate in opera tutte le strutture portanti, cioè pilastri e setti, nonché le travi dei solai.

Le fondazioni sono del tipo indiretto a pali trivellati di medio diametro (cm. 60) per tutte le strutture salvo quelli sottostanti i nuclei scale delle due torri (cm. 120).

L’ interpiano corrente è di m. 3,30 per gli uffici, m. 3,40 per i magazzini, m. 4,10 da piano terra al 1° piano e m. 3,00 ai due piani interrati.

Il pacchetto solaio dei piani uffici è così formato: solaio alleggerito in predalles cm.35, e cioè cm. 30 di c.a. più cm. 5 di predalle; pavimento sopraelevato su piedini cm. 23.

Altezza interna utile m. 2,70.

Sovraccarico utile: per i piani uffici, residence e parcheggi 350 Kg/mq.; per i piani magazzini e per il 18° piano (locali tecnici e impianti) 1.000 Kg/mq.; per il piano copertura 300 Kg/mq.

Il solaio di copertura delle torri, in corrispondenza dell’ ingombro del nucleo scale, ascensori, e servizi, è calcolato per l’eventuale atterraggio di un elicottero in caso di emergenza.

I nuclei scale/ascensori sono due per ogni torre, con scale a prova di fumo interne.

La piastra e il Corpo G sono a loro volta servite da un nucleo scale/ascensori ciascuno

L’ accesso veicolare ai piani piastra è garantito da un’ ampia rampa circolare a doppio senso di marcia, con ingresso da Via Scarsellini, che serve dal 2° piano interrato al 5° piano, e da una seconda rampa rettilinea, sempre con ingresso da Via Scarsellini, che serve solo i due paini interrati.

Le pareti dell’ edificio a piastra e quelle del Corpo G sono finite, dal piano terra al 5° piano, con pannelli modulari in c.a. per le parti cieche, e con ampi serramenti vetrati per i locali commerciali, atrii d’ ingresso, ecc.

Le pareti delle torri e dei corpi di collegamento sono finite in lastre modulari di marmo “repen” d’ Istria ancorate al c.a., con sistema a “facciata ventilata”, per i prospetti esterni a finestre singole, e con pannelli vetrati a curtain wall per i prospetti interni che si aprono, fronteggiandosi, sul parcheggio scoperto del 5° piano. Con lo stesso materiale lapideo e con analoghi ancoraggi, sono finiti anche gli interi riquadri delle finestre singole, e cioè davanzali, spalline, e architravi.

Gli impianti tecnici dell’ intero complesso sono per la maggior parte al 2° piano interrato (centrali idrica e di condizionamento, fosse ascensori, vasche di accumulo per acqua sanitaria e di riserva antincendio, ecc) e al 1° piano interrato (cabine elettriche di media e di bassa tensione, cabina ENEL, locale contatori, locale Telecom, ecc).

Navicelle per pulizia facciata sono presenti n. 2 navicelle (una per la Torre a e una per la Torre B) con scorrimento a funi in facciata per la pulizia delle vetrate

 

Questo sito fa uso di cookie proseguendo nella navigazione se ne accetta l’uso Cookie policy